Da Twitter YourBuzz e ritorno: le strategie Social di American Express



american express on social media

American Express – che già a giugno scorso aveva siglato una interessante partnership con Foursquare  – ha intensificato la propria attività sui social media negli ultimi mesi.

Proprio qualche giorno fa abbiamo menzionato la presenza di AmEx su Twitter: con 250 mila follower è l’istituzione finanziaria più seguita al mondo, già da diverso tempo attiva con grande successo in questo canale (si pensi al Twitter contest del 2010, quando offrirono dei biglietti per il Conan O’Brien Show ricevendo una grandissima risposta e molta visibilità negli States).

A febbraio 2012 è stata lanciata la beta di un servizio di self advertising su Twitter per le PMI: i primi 10.000 membri American Express a farne richiesta avrebbero potuto usufruire di 100$ di advertising sulla piattaforma di microblogging. Un accordo davvero interessante non solo per la tempistica (il servizio sarà esteso a tutti solo alla fine di questo mese) ma anche sotto il profilo del target, dal momento che si tratta della prima vera iniziativa di Twitter a favore delle piccole e medie imprese.

american express twitter

È stato inoltre un ottimo veicolo pubblicitario per American Express, che ha così ribadito la propria attenzione al mondo dei Social, attenzione confermata anche dal lancio in febbraio di YourBuzz, probabilmente il primo esempio di piattaforma di monitoring creata e distribuita da un player del mercato che ha dunque un diretto interesse sulle modalità d’uso del servizio.

Sarebbe d’altra parte ingenuo pensare che American Express non procederà ad un “monitoring del monitoring”, se non altro per comprendere se e come gli utenti valutano la propria presenza online (una sorta di Return on Reputation che potrebbe tradursi in servizi bancari ad hoc… perché no?). In effetti American Express offre anche soluzioni per l’ADV su Web quindi non ci sarebbe da stupirsi.

Da inizio marzo è infine possibile ottenere sconti e promozioni grazie ad un accordo con Twitter: è sufficiente usare hashatg o keywords connesse ad una specifica offerta e in seguito sincronizzare la propria carta American Express sul sito dedicato per ritirare il dovuto.

Amex social media

Peccato che attualmente il servizio funzioni solo negli USA…

Evidentemente comunque American Express mira ad essere un player di primo piano nell’offerta di servizi commerciali connessi ai Social.

Vedremo quali saranno i prossimi sviluppi e il tasso di adesione alle promozioni via Twitter, anche se credo che sarà il versante monitoring ad offrire le più grandi sorprese nei prossimi mesi, soprattutto nell’ipotesi di una possibile vendita dei servizi di monitoraggio uniti all’offerta di soluzioni di Social e Web advertising per l’incremento della reputation.

Emanuela Zaccone



Commenti

(5)
  1. Pingback: Dare vita ad un’impresa, oggi: intervista a Davide Oneglia di Officine Formative | YDL

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*